Parolechiave

Il Tumblr di Claudio Bezzi
che parla di diritti, laicità, politica, letteratura. E di un cane.

HO UN BLOG! http://ilsaltodirodi.com

Cerca

Raccolte speciali:

Ultimi scatti Instagram

    Di più - Instagram

    Trovami anche su...

    Post che mi sono piaciuti

    Altri post piaciuti

    Probabilità e Imprevisti, il Monopoli dei 5 Stelle

    Ogni giorno Grillo e Casaleggio pescano una carta, Probabilità o Imprevisti, e dettano la linea politica del giorno.

    Renzie ebetino piduista caccamerda!

    Ecco i 10 punti, discutiamone.

    Vaffanculo, mai coi piddini attentatori della democrazia!

    Ecco 6 punti, discutiamone.

    C’è un golpe, un complotto, le scie kimici e Bilderberg che manovrano Napolitano!

    Siamo disponibili a discutere anche del titolo V°.

    Viva Di Maio megafono del Movimento.

    Abbasso Di Maio, non ci rappresenta!

    MASSIMA DIFFUSIONE!!!111!1!

    (21 Luglio 2014)

    Volete solo eletti? Votate Fiorito!

    Premesso che non mi importa un fico secco e mi sembra un falso problema, come ho scritto più volte, segnalo che la stupidata del Senato eletto che – pare – vogliono tre italiani su quattro è un tipico e deprimente esempio dell’umoralità ignorante di gran parte dei cittadini italiani che dimenticano di avere massicciamente votato in un referendum (1991) contro le preferenze, e di avere sopportato, grazie alle preferenze, gli scandali di amministratori ladri capaci di manipolare e concentrare le preferenze nei loro territori, di agire comodamente il voto di scambio, di intessere rapporti con la mafia e via discorrendo. Adesso invece va di moda dire che “il popolo” vuole partecipare (ma quando mai?), vuole votare (ma dove?) ed eleggere i propri rappresentanti, ignorando ovviamente che il Senato che si sta faticosamente cercando di modificare sarà un piccolo luogo di decisioni federali dove i consiglieri regionali (di già eletti) potrebbero benissimo fare il lavoro che devono fare. La democrazia non aumenta perché si vota, ma perché si sa scegliere, e si sa scegliere se si capisce, se ci si informa, se si controlla dal basso.

    (20 Luglio 2014)

    La sceneggiata del dialogo M5S-PD

    La confusa e annaspante strategia del M5S nel confronto col PD mostra come i movimenti verticisti, assemblearisti e populisti non possono funzionare. Non possono, indipendentemente dalla buona volontà dei loro protagonisti. Oggi apprendiamo che la delegazione che ha incontrato il PD, poi ha cercato il secondo incontro sulla base dei dieci punti e ha protestato perché il PD non ha partecipato, ebbene quella delegazione è stata aspramente contestata dai deputati grillini che sembrano soffrire la leadership di Di Maio. Perché mai proprio lui? Chi avrebbe deciso la linea?

    Leggi tutto

    La strategia di Renzi

    Ha fatto bene? Ha fatto male Renzi a snobbare il M5S che aveva fatte grandi aperture? Ha fatto bene o male Renzi a schiacciare pesantemente la resistenza interna? Facile a dirsi: se vincerà avrà fatto benissimo e durerà altri vent’anni, se perderà crollerà ignominiosamente. E poiché i margini della sconfitta sono più ampi (è sconfitta se non fa le riforme, se ne fa la metà, se le fa parziali e pasticciate…) il rischio è grandissimo. Renzi lo sa benissimo, guai a prenderlo per sconsiderato e avventurista. Ha fatto le sue scelte, sa che grande parte dell’opinione pubblica lo appoggia, vede la debolezza del M5S, capisce che la fronda interna al PD non ha futuro, comprende che Berlusconi ha una forza parlamentare utile ora ma non potrebbe impensierirlo elettoralmente e quindi fa il suo affondo. Un colpo secco e implacabile. Come tutti i duelli feroci durerà poco, e vedremo presto se avrà avuta ragione.

    (7 Luglio 2014)

    —-

    Ecco i  40 senatori contro Renzi.

    Il grande complotto per far stravincere Renzi

    C’è un grande complotto politico trasversale per fare stravincere Renzi. Ne fanno parte Grillo (che potrebbe esserne addirittura il regista), Bertinotti (l’ideologo), Bersani (lo sconfitto rancoroso) e una truppa mista di Casson, Chiti, Mineo e altri lucidi pensatori del PD assieme a Brunetta, Minzolini e altre stentoree genialità di Forza Italia. L’appoggio di Camusso è già stato accolto incondizionatamente.

    Tutti lavorano compatti per rovesciare il governo, andare il prima possibile alle elezioni e incoronare Re Assoluto Renzi I, il grande riformatore che non ha potuto lavorare, che è stato fermato da forze conservatrici, che è stato tradito da chi - nel PD - ha perso ma non ha saputo perdere. Così Renzi, con l’80% dei voti che gli italiani esasperati gli consegnerebbero, potrà finalmente traghettarci verso il sol dell’avvenire.

    Parlano di nobili ragioni e invocano nobili principi di libertà di espressione, ma sono solo ottusi residui della deprimente Seconda Repubblica.

    (6 Luglio 2014)

    La politica come gioco di ruolo: http://ilsaltodirodi.com/2014/07/02/la-politica-come-gioco-di-ruolo/

    (2 Luglio 2014)

    (30 Giugno 2014)

    L’incontro PD-M5S

    Mi ha positivamente colpito. Non mi pare che Di Maio sia molto sveglio, non mi pare che la loro legge elettorale complicatissima sia lontanamente accettabile ma sono positivamente colpito:

    1. senza urla e senza vaffa; Grillo è un collo di bottiglia, un impedimento dirimente, un dito nel culo al dialogo e alla democrazia; senza di lui si riesce a discutere e a confrontarsi;
    2. c’è stata un’esplicita offerta del M5S di dialogare anche su altre riforme, accolta dal PD; è chiaro che i pentastellati – ormai nell’angolo – cercato una via d’uscita, ma qualunque sia la motivazione ben venga questo dialogo;
    3. al di là di tante enormi differenze nelle proposte, degli elementi d’incontro oggettivamente ci sono; se non si gioca al “prendere o lasciare” possono venire contributi e miglioramenti, nel rispetto dei ruoli di maggioranza e opposizione;
    4. qualunque cosa accada, questa è la democrazia in funzione; no le arrampicate sui tetti, le sceneggiate indecenti in aula, le minacce sul blog grillesco.

    (25 Giugno 2014)

    Prepariamoci al ventennio renziano

    Non so se avete anche voi la stessa impressione, ma un mix di fortuna, carattere, intelligenza, demerito degli avversari, contingenze storiche… tutto converge a favore di Renzi. La situazione per il premier è tale che dovrebbe fare, da solo, una sciocchezza mondiale, per ribaltare questa situazione; dovrebbero trovarlo impasticcato di anfetamine a rubare il tesoro di San Gennaro, o riprenderlo di nascosto con la coppola a fare il giuramento dei mafiosi… non saprei… Vediamo un attimo:

    Leggi tutto

    … dove ovviamente si parla del caso Mineo: http://ilsaltodirodi.com/2014/06/16/lo-spazio-del-dissenso-individuale-nelle-organizzazioni-politiche/

    Il Re è morto. Viva la Repubblica!

    Si parla molto della sconfitta del centrosinistra a Livorno, forse perché consumatasi a favore dei 5 Stelle, ma anche a Perugia il terremoto è stato forte. Dopo settant’anni di indiscusso dominio del PCI (e successive mutazioni) e suoi alleati, il capoluogo umbro perde la maggioranza in modo netto, consegnando all’avversario di centrodestra il 58% dei voti. Non si può comprendere bene il risultato se non lo si inquadra comparando i due turni.

    Leggi tutto

    Voglio prendere per vera l’autocritica di Fassina. Non mi è mai piaciuto ma sono certo della sua onestà intellettuale.

    (29 Maggio 2014)

    Lo straordinario senso di irreale onnipotenza che affligge Grillo, concausa prepotente della sua sconfitta, dopo la scenetta del Maalox di ieri ci regala oggi, sul suo blog, questo monito. Boh? Io non ho ancora finito di ridere…

    (28 Maggio 2014)

    Un fondo di Gian Antonio Stella da leggere per ricordare e per capire.

    (28 Maggio 2014)

    Ve li spieghiamo noi i risultati elettorali: http://ilsaltodirodi.com/2014/05/28/dalleuropa-di-oggi-allitalia-di-domani-analisi-post-elettorale-di-hic-rhodus/

    (28 Maggio 2014)

    Caricando